Alghe Commestibili: un Superfood prezioso e gustoso

alghe rosse

Le alghe non sono solo indispensabili per la vita degli ambienti acquatici, ma sono anche dei preziosi superfood quando si tratta di alghe commestibili!

Nonostante si possa pensare che -soprattutto in occidente- siano comparse come alimento di recente, le alghe edibili sono utilizzate da sempre in cucina come “verdure d’acqua salata”.

Compaiono chiari riferimenti a questi frutti del mare già in documenti cinesi risalenti al 3.000 a.C., che ci confermano il loro uso alimentare ben noto e diffuso in tutta l’Asia ed in Giappone.

Alghe: caratteristiche e proprietà

Le alghe sono organismi acquatici unicellulari o pluricellulari, il cui corpo è detto “tallo” ed è costituito da uno stelo, degli organi di attacco e delle lamelle fogliari.

Si riproducono tramite riproduzione vegetativa, con un sistema molto simile a quello di piante e funghi.

Generalmente le alghe vengono suddivise in 3 principali categorie, a seconda del tipo e della quantità di clorofilla in esse presenti; ciò consente loro di vivere a diverse profondità sul fondo marino e di adattarsi alla maggiore o minore penetrazione di luce, cambiando forma e colore.

  • Alghe Rosse

Contengono ficoeritrina, che ne determina la colorazione. Si tratta infatti di una sostanza di colore azzurro in grado di catturare l’energia solare. Le colorazioni di questa tipologia di alghe possono quindi variare tra giallo, rosso, verde, blu e viola.

  • Alghe Verdi

Antenati di tutte le piante terrestri, le alghe verdi o Cloroficee vivono principalmente in acqua dolce, ma sono presenti – più raramente- anche in mare. Una delle più diffuse nel Mediterraneo è ad esempio la Lattuga di mare.

  • Alghe Brune

Dette anche Feoficee, contengono fucoxantina, un pigmento che ne determina le particolari colorazioni giallo-brune. Sono gli esemplari di maggiori dimensioni.

alghe wakame

Perché le alghe edibili sono considerate un Superfood?

I valori nutrizionali delle alghe edibili variano notevolmente non solo a seconda della tipologia, ma anche in base al luogo di raccolta ed alla qualità dell’acqua.

Nonostante ciò le alghe, a differenza di mitili e molluschi, NON assimilano eventuali sostanze inquinanti presenti in mare. Questa caratteristica fondamentale, assieme alle loro ricche proprietà nutritive, rende le alghe mangiabili un ottimo elemento per qualunque dieta e per svariate ricette.

Le alghe sono un alimento ipocalorico, ricco di sostanze minerali, vitamina C, A, E, B1 e B12 (particolarmente preziosa per chi segue ad esempio una dieta vegetariana o vegana), Acido Folico, Calcio, Ferro, Iodio, Selenio, Zinco e Magnesio.

 La particolare concentrazione di sostanze altamente nutritive  fa sì che le alghe vengano identificate come “superfood”, ma non finisce qui: alle alghe vengono anche attribuite proprietà antiossidanti, depurative e -in alcuni casi- proteiche.

Anche in natura le alghe sono estremamente importanti per la preservazione degli ecosistemi marini e come fitoplancton, alla base di molte catene alimentari.

🥢 Alghe commestibili famose e uso in cucina

Utilizzate da sempre come verdure di mare nelle aree costiere, le alghe sono un superfood prezioso, oggi diffuso in tutto il mondo.

Di seguito alcune delle alghe mangiabili più diffuse ed apprezzate.

  •  Alga Arame 

Alga bruna, tipica di coste pacifiche, Giappone e Perù; ricca di proprietà benefiche e curative nonché ottimo commestibile.

  •  Clorella 

Della famiglia delle alghe verdi e tipica dell’Africa equatoriale, la Clorella è molto apprezzata come antiossidante, come depurativo e per l’incremento delle difese immunitarie.

  •  Alga Dulse 

Alga rossa dolce, leggermente piccante e ricca di ferro. Molto diffusa anche tra le coste rocciose Nord-Europee ed in passato masticata dai marinai inglesi come tabacco.

  •  Alga Nori 

La famosa alga utilizzata per la preparazione del sushi 🍱 (hosomaki e uramaki) o degli onigiri 🍙; ricca di proteine, vitamine (A, B1, C), calcio e omega 3.

  •  Alga Wakame 

Una delle alghe più conosciute in occidente e consumata in insalata, nella zuppa di Miso oppure cruda.

  •  Alga Hijiki 

Bellissime alla vista, queste alghe “viscide” sono ricche di calcio e ferro.

  •  Alga Kanten 

Indispensabile per la produzione dell’ Agar Agar, addensante e gelificante naturale e vegan, ma consumata in Giappone anche come semplice contorno.

  •  Alga Kelp 

Alga verde-bruna dalle proprietà diuretiche, antiossidanti, rimineralizzanti e antinfiammatorie.

  •  Alga Klamath 

Spesso venduta in “tavolette”, l’alga Klamath è famosa per le sue proprietà antiossidanti, immunostimolanti e tonificanti.

  •  Alga Kombu 

Molto usata per brodi e zuppe, grazie alla presenza di acido glutammico.

  •  Spirulina 

Alga dalle note proprietà depurative e ricostituenti; è anche uno degli ingredienti che compongono il Gomasio (con semi di sesamo e sale marino integrale)

🌏 Al di fuori dell’Asia, in cui le alghe fanno da sempre parte della cucina tradizionale, anche l’Europa ha conosciuto le alghe come superfood già in tempi antichi.

🌍 Negli anni ‘80 le alghe marine essiccate venivano considerate al pari delle spezie, mentre troviamo tracce assodate delle alghe fresche in alcuni piatti tipici della Bretagna e di alcune isole del Regno Unito.

🌍 In Bretagna l’alga rossa viene tradizionalmente utilizzata per ricavare un addensante, sfruttato poi nella preparazione del Biancomangiare (Blanc Manger o ​​manjar bianco), un dolce simile al budino e alla panna cotta.

🌍 In Galles la Lattuga di mare fresca viene ridotta in purea e mescolata con farina d’avena per realizzare il Laverbread; frittelle molto gustose e gluten free, da mangiare da sole, come street food, oppure in abbinamento a piatti di pesce.

Tra le alghe commestibili, meno note, ma largamente diffuse nel mare Mediterraneo possiamo sicuramente citare:

  • Lattuga di mare, utilizzata -oltre che per gli impieghi già citati- anche nella produzione del burro mantecato.;
  • Porfiria, alga rossa con gusto leggermente affumicato, spesso abbinata a uova o pasta sfoglia;
  • Finocchio di mare, spesso abbinato all’avocado come insaporitore;
  • Frusta della strega, utilizzata in polvere per salare e aromatizzare le pietanze.

🌊 Voglia di mare?

Iniziamo a scoprire le alghe non solo come buonissimi cibi esotici, ma anche per le loro preziose proprietà curative!

Condividi questo articolo
Written By
More from Federica O.

Cucina senza glutine a Roma: cosa mangiare?

Avete in programma una visita alla Capitale e volete gustare piatti tipici...
Read More