Tutte le curiosità sul Kiwano: il frutto esotico spinoso

frutto esotico

Un cetriolo 🥒 ? un kiwi 🥝 ? un melone 🍈 ? Niente di tutto ciò!

L’insieme delle caratteristiche di questi tre frutti dà però vita al kiwano; un frutto versatile, e molto particolare, che si presta per moltissime ricette gustose.

In questo articolo vediamo cos’è il kiwano e da dove deriva, le sue proprietà, e come gustarlo al meglio.

Cos’è il kiwano e da dove deriva

Il kiwano è un frutto esotico con  colori eccentrici e dalla forma bizzarra , un po’ allungata: impossibile non riconoscerlo! Il suo nome scientifico è Cucumis metuliferus ed è originario dell’Africa centrale e meridionale.

A causa della sua scorza “appuntita” viene anche detto  melone cornuto  o  cetriolo cornuto .

Quando il frutto è maturo, all’interno della caratteristica scorza arancione brillante, possiamo trovare una polpa verde, piuttosto gelatinosa e dal tipico pattern geometrico, che racchiude i semi.

La coltivazione del kiwano in Italia avviene principalmente al sud.

Per piantare i semi di kiwano è necessario infatti scegliere un luogo esposto al sole e garantirgli una sufficiente quantità d’acqua (almeno due volte a settimana).

Se non si ha intenzione di riprodurre la pianta di kiwano, i semi sono commestibili e possono quindi essere mangiati insieme alla polpa del frutto.

Il termine kiwano viene coniato tra l’Australia e la Nuova Zelanda, dove negli anni ‘30 del secolo scorso ne venne importata la coltura. Se notate una certa assonanza con il nome del kiwi, non state sbagliando: è proprio da lì che nasce il nome.

Il  prezzo del kiwano  si aggira intorno ai 3 – 4 euro al pezzo, più o meno come il resto dei frutti tropicali che si trovano oggi sul mercato occidentale. Calcolando che pesa 200 – 300 grammi, il suo costo è di 10 euro al kg circa.

🛍 Dove comprare il kiwano in Italia?

Il kiwano non è un frutto esotico molto comune, tuttavia con un po’ di impegno  si può trovare anche in Italia! 

Si trova nei supermercati ben forniti, nei negozi etnici, negli e-commerce che vendono frutta e verdura etnica o – talvolta – anche nelle aziende ortofrutticole. È più facile trovare il kiwano nel Sud Italia dove, grazie al clima mite, si stanno sviluppando delle coltivazioni del melone cornuto autoctone.

👍 Kiwano: proprietà benefiche

Questo frutto africano, oltre ad essere davvero colorato, ha molte proprietà benefiche per il nostro organismo. Tra le quali:

  • Contiene molti nutrienti antiossidanti e antinfiammatori: il kiwano contiene vitamina C, vitamina A, vitamine del gruppo B e luteina e zinco; sono nutrienti capaci di contrastare l’azione dei radicali liberi che si formano in seguito a reazioni di ossidazione.
  • È ricco di ferro: aiuta a mantenere il giusto apporto di questo minerale; inoltre ha anche il potassio, il magnesio e il calcio.
  • Aiuta la corretta idratazione: il kiwano è un frutto ricco di acqua (quasi il 90%) che permette di integrare la quota necessaria, oltre all’acqua pura che beviamo normalmente. Questo elemento infatti lo riceviamo anche dai cibi che mangiamo.
  • Allevia i disturbi gastrointestinali: sembra che la polpa del frutto kiwano abbia dimostrato di prevenire le ulcere.
  • Azione ipoglicemizzante: oltre al suo basso indice glicemico, che non produce quindi il picco di zuccheri nel sangue dopo l’assunzione, si cerca di capire se è un alimento che aiuta ad abbassare la glicemia.
  • Azione immunologica: durante uno studio scientifico, pubblicato su PubMed, è avvenuta l’estrazione di due polisaccaridi dalla buccia del kiwano, e si è notato che possiedono attività di potenziamento immunitario.

Vediamo come beneficiare di tutte queste proprietà e come inserirlo nei nostri piatti.

😋 Come si mangia il kiwano? Ricette e alcuni spunti

Questo frutto esotico simile al kiwi trova largo spazio in cucina: si raccoglie tra agosto ed ottobre ed è perfetto per  ricette estive  e rinfrescanti!

Il sapore del kiwano ricorda quello del cetriolo: dolce, acquoso e poco intenso.

Nel momento di piena maturazione  si può sentire anche una nota di banana.

Ecco come utilizzarlo in cucina:

  1. tagliarlo e mangiarlo: questo è il metodo più semplice, vi basterà un cucchiaino e dopo averlo tagliato potrete raccogliere la polpa, esattamente con un kiwi.
  2. Fare un estratto: per assumere le vitamine presenti in questo frutto, preparare un estratto di kiwano, unito ad altri frutti,  è uno dei modi migliori per idratarsi durante i mesi estivi.
  3. Guarnire yogurt, frullati e torte: la polpa dolce del kiwano si può usare per guarnire le preparazioni, esattamente come le pesche, le fragole, l’ananas, le albicocche etc…
  4. Aggiungerlo nelle insalate: così come la mela e il mandarino, anche la polpa di questo frutto esotico spinoso è un’ottima aggiunta nelle insalate estive.  
  5. Fare delle salse: frullando il kiwano con aglio, cipolla, spezie e aromi, si possono fare ottime salse per accompagnare verdure, piatti di pesce o carne.
  6. Preparare cocktail: questo frutto africano è una perfetta aggiunta ai drink alcolici; insieme a mango, maracuja, limone, frutto della passione… ma anche per creare una variazione di alcolici già esistenti come mojito e margarita.

Perfetto quindi anche per cocktail senza glutine! 😉

Per scoprire altri cibi esotici e/o gluten free, seguici sul nostro blog! Trovi tante idee per conoscere e sperimentare nuovi sapori.

Condividi questo articolo
Written By
More from Redazione
Cesti regalo a tema: come comporli?
I cesti regalo a tema sono un’idea versatile per diverse occasioni. Colleghi,...
Read More
0 replies on “Tutte le curiosità sul Kiwano: il frutto esotico spinoso”